bannerone

Diogenes

diogenesLa finalità di DIOGENES era quella di contribuire allo sviluppo di aree industriali in fase di riconversione, attraverso una triplice azione:

–        favorire lo sviluppo dello spirito imprenditoriale di giovani residenti in queste aree e la valorizzazione delle competenze necessarie per mettere a frutto un progetto d’impresa. L’idea è quella di creare un effetto a catena, poiché nuove imprese creano nuovi posti di lavoro per altri giovani del territorio;

–        favorire l’aggiornamento e la specializzazione di professionisti che operano nel settore pubblico, affinché possano agire da agenti sviluppatori del territorio, in particolare aumentando le loro conoscenze e competenze specifiche a supporto della creazione di impresa e della gestione delle risorse pubbliche dedicate;

–        analizzare, contestualizzare e trasferire pratiche innovative, realizzate a livello nazionale ed europeo, a supporto della creazione di impresa e dello sviluppo di aree industriali in fase di riconversione.

 

E’ stato strutturato un servizio di orientamento e sviluppo di competenze imprenditoriali per utenti residenti nelle aree affette da riconversione industriale identificate nel progetto: in Italia il Valdarno aretino, in Spagna la provincia di Jaen, in Polonia l’area di Poznan ed in Slovenia l’area di Maribor. Questo percorso ha portato allo start-up di imprese nei settori economici strategici nella fase di riconversione industriale delle aree sopra indicate.

Inoltre, è stato articolato in forma seminariale un percorso di formazione e sensibilizzazione alle tematiche relative all’imprenditorialità e alla gestione di programmi e risorse dedicate per operatori e funzionari del settore pubblico .

 

Il progetto DIOGENES è stato co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del nuovo Programma di Apprendimento Permanente 2007-2013 (Lifelong Learning Programme), programma Leonardo da Vinci, Trasferimento di innovazione. La durata del progetto è stata di 2 anni (2007 – 2009).

 

Persona di contatto: Maria Chiara Vita Finzi

 

Il presente progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea. L’autore è il solo responsabile di questa comunicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute